Scherzi da prete: sono in classifica su Amazon con 130 euro

Mi rendo perfettamente conto di come la mia stolida insistenza sui libretti che scrivo possa apparire ridicola, soprattutto quando l’Occidente sta affondando sotto un mare di debiti.

Passo le giornate a spiegare a Tommaso che deve fare i compiti delle vacanze, perché sennò da grande friggerà gli hamburger in un McDonald’s di Pechino.

Sono preoccupata, per davvero.

Ma poi, la sera, mi lancio lo stesso sul web a pastrocchiare con le mie stupidatine.

Mi divertono, come si divertono i preti  fare gli scherzi.

L’espressione “scherzo da prete” significa infatti fare uno scherzo in cui si diverte solo quello che lo fa, quando invece lo scherzo dovrebbe divertire entrambi: scherzante e “scherzato”.

Il mio scherzo da prete è il seguente: con un budget pubblicitario di circa 130 euro, sono finita in classifica su Amazon, settantesima nei Top 100 ebook  e ventesima nei gialli, davanti a colossi editoriali (senza fare nomi), che hanno speso l’ira di Dio per le loro promozioni.
Mi diverto, quindi, solo io. Gli editori, invece, no.

Certo, stiamo parlando di ebook – ok! – quindi numeri molto piccoli.

Ma è interessante che un moscerino come me riesca a infilarsi in una classifica VERA, che mescola (all’americana) chi è stato pubblicato da un editore con chi si è autopubblicato.

Perché, da questo punto di vista, gli anglosassoni sono fair: se vendi una copia, quello che conta è che tu  l’abbia venduta.
Non gliene frega niente di chi tu sia o in quale compagnia (editoriale) tu sia.

E i bookstore anglosassoni mescolano bellamente tutti quelli che ci vogliono provare (a pubblicare qualcosa)

La “famiglia” non conta: a TUTTI viene data una possibilità.

E così, io, MOSCERINA , sono riuscita a salire in groppa all’elefante e fargli un giro intorno alle orecchie, ronzante di allegra felicità (solo mia).

Naturalmente, l’elefante darà un’orecchiata e mi schiaccerà contro la sua pellaccia setolosa, ma io morirò contenta, pensando che sono salita fin lassù, e gli ho dato un po’ di fastidio.

E’ il web, bellezza.

Ma questo lo dico tutte le volte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: