Archivio dell'autore: Viola Veloce

Elogio dell’anarco-italiano (che dopo il Covid sta anche cercando di redimersi)

Bisogna dire la verità: non siamo un popolo che ama ubbidire. Gli italiani sono dei ribelli: non ci piacciono le regole e ci dà fastidio se qualcuno entra nelle nostre vite quotidiane con troppe normative e divieti che ci mandano subito in bestia.

Però adesso, con il Covid, stiamo facendo tutti un immenso sforzo nazionale per seguire – alla lettera – quello che il governo centrale e quelli locali ci chiedono di fare, con tanto di cartellonistica e segnalazioni.

“Non sederti lì!”

“Per uscire dalla metropolitana passa di là e non di qua!”

“Non usare gli armadietti pubblici della piscina comunale!”

“Segui i percorsi guidati per entrare e uscire dagli ospedali!”

Insomma, l’Italia è diventata all’improvviso un paese dove non puoi più fare quello che ti pare, ma devi capire se sei entrato dalla porta giusta per rinnovare la carta di identità in comune o fare gli esami del sangue in ospedale.

Ci stiamo provando tutti a fare i bravi, ma anch’io faccio fatica ad adattarmi alla nuova regolamentazione, anzi spesso non la capisco, tanto è lontano dalla mia natura ubbidire a regole o imposizioni.

Perché noi italiani siamo anarchici, non ci fidiamo di nessuno e tanto meno dello stato, vorremmo fare solo quello che pare a noi, forse perchè siamo stati dominati da potenze straniere fino alla recentissima Unità di Italia, nel 1861.

Eravamo abituati a disprezzare gli stranieri che ci governavano, come del resto loro disprezzavano noi.

Non mi ricordo più chi lo abbia detto (forse il solito Barbero), ma la generale mancanza di autostima che affligge gli italiani è il risultato del fatto che (dopo tanti anni di dominazioni) abbiamo assunto dentro di noi il “punto di vista” degli stranieri che ci governavano e probabilmente ci disprezzavano anche un po’.

Con questo non voglio assolutamente unirmi alle campagne di marketing nazionaliste di Salvini sulle mozzarelle ITALIANE, i panzerotti ITALIANI, l’olio buono pugliese ITALIANO, e via discorrendo.

Trovo abbastanza ridicolo appellarsi a un inesistente orgoglio italiano per lisciare la nostra malconcia identità nazionale, usando l’OLIO D’OLIVA per tirarci su di morale, e magari spingerci a votare LEGA che è un PARTITO ITALIANO COME LA MOZZARELLA PUGLIESE.

Detesto il sovranismo e cioè l’idea che una nazione possa essere meglio di tutte le altre, e voglio al contrario fare un atto di stima verso l’anarco-italiano che diffida sempre un po’ di chi lo governa, e che non dovrebbe mai smettere di farlo.

Quando tutta l’Italia si è fidata – volente o nolente – di Mussolini, siamo finiti in guerra e (di fatto) l’abbiamo persa. Il conformismo non porta da nessuna parte. Purtroppo, noi italiani riusciamo a fare contemporaneamente la parte dei manipolatori ossequiosi (come eravamo con i nostri dominatori) e quella dei ribelli anarchici che diffidano di qualsivoglia regolamento (anche quello su dove bisogna sedersi in metropolitana).

E io dico: evviva la diffidenza, evviva le critiche, evviva le ribellioni implicite o esplicite, perchè le nazioni che mettevano al primo posto l’UBBIDIENZA alle regole hanno combinato GROSSI GUAI, vedasi il nazismo e i campi di concentramento.

Certo, noi italiani siamo stati fascisti, ma non saremmo mai riusciti a mettere in piedi un progetto di sterminio di massa, perchè ci saremmo ribellati: troppo anarchici per ubbidire agli ordini di uno psicopatico.

Anche in Italia ci sono stati dei campi di concentramento e transito verso la Germania (35, neanche pochi) e siamo colpevoli ANCHE NOI per avere collaborato attivamente con i nazisti.

Ma alla fine, lo diceva anche Hannah Arendt, ne “La banalità del male“, gli italiani sono per davvero “brava gente” e sono stati tantissimi quelli che hanno dato protezione agli ebrei (nelle loro case), disubbidendo agli ordini di Hitler e di Mussolini, che invece avrebbero voluto la consegna alle forze dell’ordine di tutti gli ebrei italiani, nonché dei Rom, degli omosessuali, dei Testimoni di Geova e dei dissidenti politici.

Gli italiani sono un grande popolo quando si rifiutano di ubbidire alle regole e seguire l’ordine prestabilito.

Da dove viene la nostra IMMENSA CREATIVITÀ se non dalla nostra capacità di mettere tutto e tutti in discussione? La nostra libertà di pensiero ha prodotto esseri umani come Galileo che nulla hanno a che vedere con una come Giorgia Meloni che propone un’idea dell’Italia a livello di quella della MOZZARELLA di Salvini.

Ecco, la mozzarella la mangiamo volentieri anche noi, ma l’Italia di cui vale la pena di parlare è quella che si conforma a fatica a chi la governa, ma poi produce geni e creativi, nonché industrie meccaniche che esportano le loro macchine in tutto il mondo.

E appena gli italiani sentono il profumo di qualcuno che prova a COMANDARE, sono i primi a buttarlo giù. Vedasi la fine di RENZI e quella che sta facendo SALVINI, dopo il tentato golpe dell’anno scorso al Papeete. Il tentativo buonista delle MOZZARELLE è patetico.

Insomma, essere degli anarco-italiani ha anche i suoi lati positivi, che meritano assolutamente di essere coltivati.

Contrassegnato da tag , ,

Il tedesco (nudo) dopo la tempesta

Ho deciso che metterò la parola “nudo” nei titoli di tutti i miei post, non solo perchè farò le vacanze in un campeggio naturista (dove tutti stanno nudi), ma anche perchè la parola “nudo” evoca di per sé qualcosa di buffo e quindi mi piace: “Nudi, nudi, nudi!“.

Racconterò allora la scena a cui si assiste nei campeggi naturisti croati, dopo le tempeste (la citazione banalissima ma d’obbligo è sempre quella di Leopardi). E i tedeschi girano nudi lo stesso.

Le tempeste croate – bisogna proprio chiamarle così – sono infatti terribilmente violente, accompagnate da venti fortissimi che possono sradicare gli alberi. Immaginatevi cosa possono fare a una tenda o una roulotte.

Le tempeste croate fanno volare via i gazebo, i tendalini e tutte le tensostrutture da campeggio che vengono fissate a terra con ganci e corde.

Quando finalmente la tempesta si quieta, i campeggiatori escono dalle roulotte per valutare se ci sono stati dei danni, e fissare meglio i ganci e le corde che magari si sono smollati.

E qua si vede la differenza di tempra tra noi italiani e i tedeschi.

Gli italiani emergono infatti dalle loro roulotte con le “scarpe da pioggia“, ovvero scarponcini da trekking o scarpe con la suola pesante, vestiti di tutto punto (perchè magari nel frattempo la temperatura è arrivata 17 gradi), con pantaloni lunghi e giacche a vento leggere.

Le mamme italiane pronunciano quindi la fatidica frase, rivolte ai figli: “Non ti bagnare le scarpe!“, come ho urlato anch’io al mio per circa diciotto anni. Non lo faccio più solo perchè non lo vedo quasi mai, ma se potessi glielo direi ancora.

A questo punto, i maschi italiani (anche loro in giacca a vento) si occupano di verificare la tenuta dei ganci, stando bene attenti a non bagnarsi le scarpe (se tua madre te lo dice tutti i giorni per quindici anni, alla fine l’impulso a non bagnarsi le scarpe diventa un riflesso condizionato, come insegnato da Pavlov).

Cosa fanno invece i campeggiatori tedeschi? Magari di una certa età, perchè nei campi nudisti croati non ci vanno le supermodel ma i pensionati della ex-DDR?

Escono NUDI, con le ciabatte da spiaggia, e si aggirano veloci intorno ai loro gazebo, trafficando con i ganci e mettendo liberamente i piedi nelle pozzanghere, tanto sono in ciabatte, chi se frega se si bagnano delle ciabatte di plastica.

Li ho visti con i miei occhi: una coppietta arzilla di crucchi che picconavano giù i ganci del gazebo, NUDI, con 17 gradi di temperatura, mentre noi italiani tenevamo i figli al guinzaglio perchè non si bagnassero le scarpe.

Immagino che poi i due anziani campeggiatori (nudi) si siano fatti un bagno RINFRESCANTE, tra le onde alte due metri, mentre noi italiani cercavamo di ingozzare di tè caldo le creature – “Su, bevi, dai bevi!” – terrorizzati del fatto che si potessero ammalare: “Hai 37,3! Te l’avevo detto di non bagnarti le scarpe!”.

Ecco, me lo sono chiesta un sacco di volte: tedeschi si è o si diventa? Ma potrei dire anche norvegesi, lapponi, svedesi. Insomma, i popoli del Nord hanno una tempra migliore della nostra (sono più forti, hanno fisici fortissimi), oppure le mamme tedesche sono meglio di quelle italiane? Meno ansiose, meno rompicazzo, meno assillanti e quindi disposte a mettere a prova l’apparato immunitario dei loro figli? Che a furia di bagnarsi le scarpe, non si ammalano più?

Basterebbe non pronunciare MAI le solite frasi: “Non sudare! Non bagnarti! Non correre! Non fare il bagno dopo che hai mangiato!“, eccetera, per crescere dei figli sani e forti?

E bisognerebbe non provargli mai la febbre, non svenire se danno un colpo di tosse, far finta di niente, insomma? E così la razza italica diventerebbe più sana e più forte?

O forse noi donne italiane sappiamo di avere dei figli debolucci, che vanno protetti, tenuti al caldo e soprattutto con i capelli asciutti dopo che hanno fatto il bagno?

Quante sono le madri italiane che urlano ai figli (dopo che hanno fatto il bagno al mare): “Hai i capelli bagnati!“, come se fosse colpa loro il fatto che il mare sia per sua natura bagnato e chi lo frequenta viene definito “bagnante“?

Ecco, io sono favorevole alla seconda ipotesi – mamme italiane über alles – perchè secondo me i figli vanno PROTETTI dalle intemperie e dalle malattie, sempre e comunque.

E non aggiungo altro, visti i tempi che stiamo vivendo…

Contrassegnato da tag ,

Tranquilli, è solo tenero usignolo…

So perfettamente cos’è un doppio senso e non v’è dubbio che l’usignolo del titolo alluda a ben altro.

Ma anche il Boccaccio usava i doppi sensi: chi non lo fa? Sto citando infatti la novella dell’usignolo, in cui Caterina viene sorpresa con Ricciardo: “Vieni a vedere che tua figliuola è stata sì vaga dell’usignuolo, che ella l’ha preso e tienlosi in mano”.

La scena del Boccaccio è stata ripresa nel film di Pasolini del 1971 – il Decameron – dove il cosiddetto usignolo (dormiente) di Ricciardo era stato inquadrato a lungo e teneramente, al punto da spingere lo spettatore a provare gli stessi sentimenti di Caterina verso il famoso usignolo.

Tenerezza e affetto: amore, insomma, per l’usignolo di Ricciardo. Senza neanche una punta di pornografia, ovvero di parcellizzata e ossessiva attenzione per il membro maschile: eretto, potente, sempre in posa, così come viene sempre raffigurato dall’orribile industria della pornografia, sempre più ubiqua grazie alla diffusione online.

Pornografia che detesto, sia ben chiaro, e che secondo me bisognerebbe vietare, punire, cancellare, perchè ormai non ci sono più barriere all’accesso di contenuti pornografici da parte di un bambino di dieci anni munito di uno smarthphone.

Ecco, si chiederà l’eventuale lettore, ma dove vorrà andare a parare questa tipa che fa battute del c***o sull’usignolo e poi cita Boccaccio e quindi se la prende con l’industria del porno online?

La risposta è semplice, liscia come l’acqua. Voglio andare a parare sul naturismo, di cui sono una fervente sostenitrice (nonché praticante, ammettiamolo).

Nei campeggi naturisti (dove sto per recarmi) gli usignoli sono liberamente esposti alla vista di tutti e perdono quel carattere minaccioso di quando si presentano turgidi e ritti come nei film/video porno.

Cosa c’è di più innocente e riposante della vista degli usignoli dei signori di settant’anni (età media del naturista odierno) che si fanno un bagnetto anche loro nelle fresche acque croate?

Insomma, “Sinite parvulos venire ad me“, come dice Gesù (Marco 10, 14) ai suoi discepoli: “Lasciate che i fanciulli vengano a me!“.

Ovvero, portate pure i vostri figli in un campo naturista, che non c’è nulla di più sano e meno perversi che stare nudi, tutti insieme, in un bel campeggio dove la mattina, prima di uscire dalla roulotte, è di buon gusto spogliarsi (togliersi il pigiama) e quindi salutare con un bel “Guten morgen” il vicino di roulotte tedesco, rigorosamente già nudo pure lui.

Parto venerdì per la Croazia.
STAY TUNED.

Contrassegnato da tag ,

Mamma, sei già nuda!

Se qualcuno pensa che possa esserci qualcosa di sbagliato – perverso – in questa frase, si sbaglia.

L’ha pronunciata mio figlio in un campeggio naturista (nudista, come si diceva una volta) croato, di cui sono stata per anni una fedele cliente.

Avevo una roulotte schifosa, di cui ho conservato qualche immagine, come l’angolo cucina di cui sopra, nella quale mi accomodavo (parola grossa) ogni anno in agosto.

Ecco, a me piaceva un casino andare in quel campeggio pieno di tedeschi e altri popoli del Nord Europa dove tutti stavano nudi, dalla mattina alla sera, anche quando pioveva di brutto, senza che a nessuno gliene sbattesse niente di quello che pensavano gli altri.

Belli, brutti, ricchi, poveri, magri, grassi, vecchi (quasi sempre), giovani (quasi mai) eravamo tutti uguali, nudi di fronte a Dio, come se fossimo già arrivati in un girone del Paradiso, accolti da San Pietro in persona, ormai ammessi a una qualche forma di vita superiore, dove non era più necessario fare nulla per godersi l’eternità, tanto meno vestirsi.

Ecco, questo è quello che pensavo: in un campeggio naturista ci si sente liberi di essere come si è, anche se metto subito in chiaro che nei campeggi del FKK – un movimento tedesco che predica il rapporto diretto con la natura, proprio corpo compreso – non si fa sesso con i vicini di tenda o di roulotte.

Al contrario, i campeggi del FKK sono luoghi serissimi e silenziosissimi dove tutti praticavano già in tempi non sospetti il distanziamento sociale: i naturisti mantengono sempre una discreta distanza l’uno dall’altro, proprio perchè deve essere chiaro che non siamo in un bordello di Berlino (ce ne sono per tutti gusti, anche quelli dove si sta tutti nudi).

Beh, insomma, tutta questa premessa per dire che mio figlio, qualche anno fa, aveva pronunciato quella frase: “Mamma, sei già nuda!“, senza che mi sia dovuta beccare una denuncia.

Ecco qual era il contesto. Eravamo appena arrivati dall’Italia, dopo un viaggio infinito, e dovevamo passare la nostra prima notte nella mia schifosa roulotte preistorica, comprata di sesta mano in un rimessaggio croato di roulotte.

Ma la roulotte ballava: i supporti laterali che la tengono dritta non erano stati fissati bene, e quando si entrava, sembrava di stare sulla tolda del Titanic, mentre rollava negli ultimi secondi prima dell’affondamento.

Preoccupata dall’idea di doverci passare la notte dentro – a ogni passo la roulotte si inclinava da una parte o dall’altra, in modo preoccupante – avevo chiesto aiuto, urlando al vento (in inglese): “C’è qualcuno che mi può dare una mano?“.

Ero stravolta, ancora completamente vestita, e con una specie di cric in mano che non sapevo usare e serviva per sistemare meglio quegli agganci laterali che servivano a tenere la roulotte diritta.

Qualcuno aveva sentito il mio grido di dolore, perchè erano comparsi all’improvviso due gentilissimi uomini anziani (verso gli ottanta, come minimo), completamente nudi, che mi avevano preso il cric dalle mani e si erano messi a trafficare intorno alla roulotte.

Alza di qua, abbassa di là, e nel giro di cinque minuti la situazione aveva effettivamente cominciato a migliorare.

I due anziani signori (uno era addirittura sudafricano, ricordo) mi avevano detto: “Provi ad entrare nella roulotte, magari adesso è più stabile!“.

Ero salita sulla roulotte: in effetti la situazione era migliorata, ma non ancora abbastanza da passarci la notte.

Mi ero affacciata alla porta del rudere per chiedere ai due gentili di signori di continuare a lavorare col cric.

Loro avevano risposto qualcosa del tipo: “Sì, va bene!”, e poi si erano rimessi ad armeggiare intorno alla roulotte, anche se avevo capito che non erano proprio in formissima.

Quando si chinavano, sibilavano come un mantice per riprendere la forza e rialzarsi. Insomma, due veri gentleman che forse stavo anche per accoppare, vista la fatica che costava armeggiare con un cric anch’esso archeologico, cosparso di spore tetaniche.

Ed erano NUDI, perchè eravamo in un campeggio naturista, mentre io, la loro assassina, ero perfettamente vestita. CHE SCHIFO, avevo pensato, io sono vestita e quei due poveri cristiani che sto ammazzando sono NUDI, com’è giusto che sia in un campeggio naturista!

Allora, vinta da un empatico spirito cristiano e naturista, mi ero pudicamente spogliata nella roulotte, attenta a che non mi vedesse nessuno mentre compivo quel gesto DOVUTO alle mie vittime, e poi mi ero affacciata, completamente nuda, sulla porta della roulotte.

Così, con nonchalance, come se fino a pochi secondi prima non fossi stata completamente vestita.

Era stato in quel momento che mio figlio (allora tredicenne, credo) aveva pronunciato schifato la frase: “Mamma, sei già nuda!“.

Perché l’ultimo posto al mondo in cui vorrebbe andare un ragazzino di tredici anni è un cazzo di campeggio nudista pieno di tedeschi che fanno il bagno anche quando c’è un uragano e mangiano stufato di manzo e patate alle cinque del pomeriggio.

Naturalmente me n’ero sbattuta delle rimostranze di mio figlio, che peraltro non si era tolto il costume per tutta l’estate, per poi rifiutarsi IN MODO FERMO E DEFINITIVO di tornare in quel meraviglioso campeggio dove mi sembrava di stare in Paradiso.

Bene, adesso mio figlio ha compiuto diciotto anni e vuole passare l’estate a Milano da solo, senza di me. Io non glielo posso impedire ma soprattutto non ho più la responsabilità legale di doverlo accudire.

E così tornerò finalmente – senza mio figlio – in quell’adorato campeggio croato (fa anche rima).

STAY TUNED.

Contrassegnato da tag ,

Mangi la mozzarella? Allora voti Lega

Non per fare i raffinati, ma lo stile comunicativo di Salvini sta toccando livelli così bassi che mi aspetto da un momento all’altro di vederlo scoreggiare su Tik Tok e ruttare su Twitter.

Ormai i contenuti – idee, proposte, visioni della politica – sono scomparsi a favore della maldestra imitazione di Salvini dell’italiano medio.

E cosa fa l’italiano medio? Mangia la mozzarella italiana, sottolineato varie volte durante uno degli ultimi video girati in Puglia, e se per caso qualcuno cerca di offrirgli della mozzarella americana (esiste per davvero, non scherzo), l’italiano medio si gira sdegnato dall’altra parte e dice: “No, io non mangio mozzarella americana, IO MANGIO SOLO QUELLA ITALIANA!”.

Il cittadino italiano medio, indignato dalla volgare profferta di cibo di importazione, aggiungerebbe quindi: “Io mangio panzerotti pugliesi e uso solo olio buono, frutti di una terra che tutto il mondo ci invidia. E quindi voto per la Lega!”.

Ecco, è forse quell’ultimo passaggio logico poco chiaro – se mangio italiano, poi voto per Salvini – che ci stupisce.

Ma che vor dì?

Siamo così cretini da farci conquistare da messaggi che sembrerebbero semplicistici a un CRETINO?

Persino Alberto Sordi era sublime nel prendere se stesso (e tutta l’Italia) per il culo, quando interpretava i suoi italiani vigliacchi e leccaculo.

Adesso, invece, Salvini sembra un Alberto Sordi che si prende sul serio, mentre interpreta questa nuova versione buonista e gastronomica del suo personaggio, che forse lui crede piacerà agli italiani perchè lo trovano simpatico, alla mano, uguale a loro, sempre in maglietta, presto con una canotta smanicata, mentre beve a canna una bella bottiglia di Lambrusco (rigorosamente italiano).

Tirar fuori parole come populismo sarebbe improprio, perchè quello di Salvini è solo un nuovo tipo di marketing elettorale, di livello BASICO, sia chiaro, che lo ha portato a deviare dagli immigrati e i campi Rom – troppo NEGATIVI, avranno detto i suoi spin doctor – a messaggi più POSITIVI: mozzarelle appena fatte, panzerotti, olio pugliese, eccetera.

C’è stato infatti un effetto Covid anche sulla comunicazione dei politici: in tempi così grami, nessuno vuole sentire parlare di guai. Le persone non hanno la minima intenzione, in pieno luglio, di affrontare toni aspri, invettive, ingiurie.

E poi, grazie al Covid, non sembra più bello prendersela con chi sta male.

C’è troppa gente che sta male, muore, si ammala, per aver voglia di vedere un politico che inveisce contro dei migranti mezzi morti di fame, trasportati a peso giù dalle barche.

Non sto prendendo una posizione politica sull’immigrazione – l’argomento è troppo complesso per riderci sopra – ma sto dicendo che gli IMMIGRATI SONO PASSATI DI MODA.

Troppi guai, troppo dolore per andare a caccia di voti con le immagini dei barconi che affondano.

Ed ecco allora che l’Onorevole Salvini ha dato l’avvio a un’estate fresca e leggera come una bella insalata italiana con i pomodorini Pachino e tanto sano olio pugliese.

Se poi l’onorevole dovesse passare dalla Toscana e farsi un bel piatto di fagioli cannellini italiani, potrebbe forse produrre – su Tik Tok, magari – quei favolosi rumori corporali – SBROT! – che fanno ridere tutti, grandi e piccini.

Il messaggio sarebbe chiarissimo: “Mangio fagioli italiani, scoreggio e quindi voto Lega!”.

Il coronavirus viaggia in Business

Il Coronavirus chiamato COVID 19 è la riedizione di un virus del 2003, la SARS, scoperto da un virologo italiano, Carlo Urbani, che morì di una polmonite provocata dal virus, esattamente com’è successo allo scopritore cinese del COVID 19, il dottor Li Wenliang.

Sia la SARS che il COVID sono coronavirus – prendono il loro nome dalla forma a corona dei virus – e sono “saltati” dagli animali agli uomini in due diversi Wet Market cinesi, chiamati così perchè vengono vendute merci deperibili: sostanzialmente generi alimentari. Nei Wet Market si possono comprare animali vivi che vengono uccisi dopo essere stati venduti. Il cliente sceglie il pollo che preferisce, e il venditore lo macella sul posto. I virus degli animali dei mercati possono quindi facilmente “saltare” all’uomo. Il termine tecnico è “spillover“, e cioè salto da una specie all’altra, perchè i virus in questione arrivano da altre specie viventi. In particolare, i coronovirus vengono da zibetti,  pipistrelli e  serpenti, vere e proprie delicatessen  vendute nei Wet Market cinesi, in cui lo zibetto viene macellato direttamente al mercato, dopo l’acquisto da parte del gourmand che se lo vuole sbafare.

Gli animali che verranno venduti vivono quindi in modalità promiscua – tra loro, ma anche con l’uomo – all’interno dei Wet Market. I coronavirus – SARS e COVID – che per pipistrelli, zibetti e serpenti non sono agenti patogeni (e cioè non li fanno ammalare), “saltano” verso l’uomo proprio perchè nei mercati gli animali sono vivi (così come i loro virus), e non invece morti e confezionati come nei nostri supermercati. Aggiungasi che nessuno di noi comprerebbe serpenti, zibetti o dozzine di pipistrelli, anche nel caso in cui fossero regolarmente confezionati sotto vuoto spinto e presentati nel bancone del Fresco dell’Esselunga.

Ma non voglio questionare di argomenti di cui non so nulla (leggo i giornali, come tutti). La domanda che mi sono fatta invece è un’altra. Come ha potuto il COVID 19 arrivare così in fretta in Italia, più in particolare in Lombardia, ma anche nel resto del mondo, visto che il virus sta mietendo vite dappertutto?

Il martire cinese, il dottor Li Wenliang, ha scoperto il COVID 19 nel dicembre del 2019, e oggi contiamo già 113.000 morti nel mondo, a distanza di due mesi. Nel 2013 – 2014, la SARS ha ucciso 814 persone (in tutto il mondo), e poi è stata fermata da una serie di misure preventive (l’incubazione era più veloce del COVID e il paziente veniva subito identificato), ma anche e soprattutto dal CALDO, ovvero dalla bella stagione.

Il COVID 19 invece è partito da un Wet Market cinese nel dicembre del 2019 e sta VELOCEMENTE facendo delle stragi. Come mai?

Ordunque, credo che il motivo sia di facile individuazione. Il virus ha comodamente viaggiato in Business Class (ma anche in Economica…) dalla Cina verso il resto del MONDO.

google_maps_aereo

La Cina produce quasi tutto quello che usiamo, dai cellulari fino alle scarpe, dai computer fino alle pentole, ma produce anche farmaci, reagenti per l’industria chimica e farmaceutica, fertilizzanti, eccetera. L’elenco è infinito, così come sono infinite le aziende che si approvvigionano in Cina e mandano in Cina le loro persone per definire con le aziende cinesi le condizioni delle forniture. Ma anche le aziende cinesi fanno acquisti dall’Occidente, e anche i business man cinesi vengono in Occidente per trattare i loro acquisti.

L’economia mondiale oggi è globalizzata, nel senso che le catene produttive possono coinvolgere più di un paese (alcuni come assemblatori altri come fornitori di componenti produttivi), anche se molti  prodotti vengono integralmente assemblati in Cina.

I voli che collegavano la Cina al mondo nel 2003 erano una percentuale minuscola rispetto a quelli che la collegano adesso, e la SARS venne fermata nel giro di pochi mesi. Oggi invece il virus è già sbarcato comodamente in decine di paesi, soprattutto in quelli che avevano relazioni industriali con la Cina o dove erano presenti nuclei di residenti di origine cinese che avevano fatto un viaggio nella Madrepatria.

E adesso il virus è tra noi, globalizzato come le nostre economie, dove nessun paese può sperare di uscire vivo da una recessione che è sempre globale per definizione (vista l’interdipendenza tra le economie).

Speriamo nella primavera e in una bell’estate bollente, magari con quaranta gradi: con il caldo il virus si dovrebbe indebolire. Così passeremo dall’emergenza sanitaria a quella climatica. Sempre globali, sia chiaro.

Contrassegnato da tag ,

Il coronavirus all’italiana

Non ho alcun titolo per intervenire nel dibattito attuale sul coronavirus, ma abito a Milano, da poco dichiarata Zona Rossa.

Molto difficile capire cosa voglia dire VIVERE MA SOPRATTUTTO LAVORARE in una Zona Rossa, perchè l’unica cosa CHIARA del decreto legislativo dell’8 marzo 2020 è che la Lombardia non si ferma. Si continua a lavorare: si va ancora in ufficio, in fabbrica e le merci devono essere trasportate. Ci si può infatti muovere anche da un comune all’altro della Zona Rossa, dimostrando di doverlo fare per COMPROVATI MOTIVI LAVORATIVI. La Assolombarda lo ha messo in chiaro: il decreto non sta chiedendo alle aziende di fermare le loro attività.  

Tutti devono continuare a lavorare, e nel caso in cui siano costretti – per andare a lavorare – a prendere un treno (o un autobus) per recarsi in un comune diverso da quello della residenza, allora ecco che dovrebbero mostrare un documento che attesti la comprovata necessità dello spostamento: IL LAVORO.

Non si sa bene chi passerà nelle carrozze dei treni a chiedere di visionare i permessi di lavoro – forse l’Esercito, chissà… – e non riesco a immaginare le aziende italiane che mettono nero su bianco che il lavoratore in questione sta SFIDANDO un’epidemia per andare a lavorare (con il rischio che poi il lavoratore lo trascini in tribunale se si ammala per davvero).

Immagino quindi che il Decreto produrrà un altro BEL CASINO ALL’ITALIANA, in cui i poveri pendolari potrebbero anche farsi sbattere giù da un treno perchè non muniti del permesso in questione.

In compenso, però, virologi e politici non fanno che insistere sulle responsabilità PRIVATE dei cittadini che sfidano il virus quando compiono il gravissimo atto di USCIRE  DI CASA. Si badi bene che si può uscire di casa per andare a lavorare, ma  a quanto pare non per altri  motivi. Bar e ristoranti rimangono aperti, fino alle 18, per carità, ma chi ci va, mette a rischio la propria vita e quella degli altri. Perché non chiuderli, allora? Per non metterli nella difficile posizione di perdere il LAVORO. Anche se i clienti che ci vanno sono dei potenziali assassini.

Bene, si potrebbe continuare per settimane, ma adesso passo alla solita lista puntata, che così la chiudo in fretta.

  1. In Cina, nelle loro Zone Rosse, sono state chiuse le AZIENDE e quindi è stato detto ai cittadini (o sudditi che dir si voglia) di stare CHIUSI IN CASA. Inutile dire che a Whuan hanno chiuso anche i bar e i ristoranti e qualsiasi luogo dove non si vendesse del cibo da cucinare una volta tornati a casa. La Cina sta subendo delle terribili perdite economiche, ma sta fermando un virus della cui nascita è comunque responsabile. Il sacrificio chiesto ai cittadini era comunque doveroso, visto che la SARS – COVID 19 è Made In China.
  2. In Italia, nelle Zone Rosse, si continua a lavorare: anche i dipendenti della Regione Lombardia (se non hanno figli o patologie croniche) devono uscire di casa per andare a lavorare. Ma sono moltissime le aziende non attrezzate per lo smart working che stanno chiedendo ai loro impiegati di andare in ufficio. Certo, le aziende manifatturiere non possono fare smart working, ma tutte le aziende che possono, dovrebbero attrezzarsi per passare a una modalità SMART ogni volta che ve ne sarà la necessità.
  3. A Milano non si trovano più le mascherine. Non ho capito se i milanesi non se le mettono perchè non vogliono, o perchè non le trovano. Bisognerebbe far arrivare a Milano e nelle Zone Rosse le MASCHERINE almeno per quelli che dovranno andare a lavorare col lasciapassare.
  4. Ci sono paesi, come la Corea del Sud, che si erano preparati a un’epidemia e che hanno messo in piedi delle modalità SEMPLIFICATE per eseguire il test.

in-corea-del-sud-controlli-anche-drive-in-coronavirus-1289167

Ne hanno già fatti 150.000. Basta andare con la propria macchina in uno dei punti in cui i test vengono eseguiti e attendere. Non so dopo quanto tempo viene comunicato l’esito, ma poter eseguire così tanti test, permette di scoprire subito se il paziente è infetto e deve essere isolato e curato. Senza il bisogno di mettere in quarantena intere città.

Concludo: non voglio fare la parte della solita italiana che si lamenta di tutto e di tutti, soprattutto degli altri italiani. Per carità, abbiamo medici eccezionali per abilità e capacità di sopportare la fatica. E siamo loro debitori della nostra sopravvivenza finora. Ma il nuovo Decreto si limiterà solo a complicare la vita di chi deve continuare a lavorare, senza riuscire a fermare il virus.

Basterà un’altra settimana per sapere se il Decreto ha funzionato. I bollettini della Protezione Civile sono alle 18.00, tutti i giorni. Chi vivrà, vedrà.

 

 

Contrassegnato da tag , ,

10 consigli a chi vuol fare il CAPO

Non si può negare che le istituzioni sociali si basino su rapporti di tipo gerarchico. Certo, la BASE di tali rapporti deve essere sana, ovvero basata sul merito e non su privilegi castali.

Ma non voglio farla lunga, voglio solo dare qualche buon consiglio a chi desidera fare il CAPO (parola brutta, ma efficace). Io non ci ho mai provato, ma capisco che a qualcuno piaccia l’idea. Ecco i miei consigli per non cadere male (più stai in alto, e più la caduta può essere brutta e rovinosa). Do per scontato che si parli di strutture meritocratiche, e non di Corea del Nord.

  1. Non esistono CAPI-MANAGER, ma solo CAPI-TECNICI-MOLTO-BRAVI. I manager sono morti, dopo che Steve Jobs è tornato alla Apple, dalla quale era stato scacciato da un manager generalista. Se volete fare il capo, diventate molto BRAVI a fare qualcosa. Il potere arriverà dopo, quando sarete diventati più bravi degli altri.
  2.  Un capo deve saper fare il lavoro che fanno i suoi collaboratori. E lo deve fare MEGLIO. Se siete il PRIMARIO di un ospedale, dovete operare meglio di tutti.  Solo così vi verrà riconosciuta la vostra autorità. Se c’è qualcuno SOTTO di voi che sa fare meglio il vostro lavoro di voi, lui diventerà il vostro capo.
  3. I capi sono tali quando i loro collaboratori riconoscono la loro bravura. Se un capo la la STIMA dei suoi collaboratori, allora è veramente un capo. Se invece, appena esce dalla porta, partono gli sfottò, bene, allora siamo in Corea del Nord.
  4. I capi devono essere stimati ed essere intellettualmente onesti. Devono riconoscere ai loro collaboratori le loro qualità e devono PORTARE AVANTI i collaboratori che sono molto bravi e hanno voglia di lavorare duro. Non devono avere paura della bravura dei loro collaboratori, anzi la devono incoraggiare, promuovere, stimolare.
  5. I capi non devono mai appropriarsi del lavoro degli altri. Non valgono i copia-incolla del lavoro dei “subordinati”. Bisogna sempre dire: “Ho un bravissimo collaboratore che ha fatto un bellissimo lavoro. Eccolo qui!”. Nessuno potrebbe stimare un LADRUNCOLO di idee altrui.
  6. I capi non devono mai fare gli STRONZI. La cattiveria ha un brutto karma: la gente si ricorda degli stronzi e li aspetta al varco. Un capo stronzo si farà molti nemici, che parleranno in giro male di lui, fino a quando qualcuno non dirà: “Togliamoci quello stronzo dai coglioni!”. E – BUM! – lo faranno fuori.
  7. I capi devono sorridere, dire sempre quello che pensano, e lavorare a stretto contatto con i collaboratori. Se un capo dice quello che pensa – anche brutalmente – a qualcuno con il quale lavora, gomito a gomito, nessuno si potrà lamentare della sua brutalità. Dirà solo che è stato SINCERO.
  8. Un capo ha torto e ragione, esattamente come tutti gli altri. Con un’unica differenza: un bravo capo ammette di avere TORTO. Il cretino non lo ammette mai. Ma tutti riconoscono un cretino, no?
  9. Un capo sa che i suoi collaboratori hanno bisogno di essere compresi, stimati, stimolati, ma anche lasciati LIBERI. Un bravo capo è affettuoso e lascia che i suoi collaboratori siano liberi di organizzare il loro lavoro. Non gli sta col FIATO SUL COLLO, non gli corregge le virgole.
  10. Un bravo capo desidera essere RIMPIANTO quando se ne andrà (se cambierà azienda). Non vuole che i suoi collaboratori stappino bottiglie di champagne quando se ne va. Un capo vuole lasciare un buon ricordo, e non far sentire l’ultimo schiocco della frusta. Se è veramente un capo.

SIAMO VERAMENTE COSI’ MANIPOLABILI?

Secondo l’opinione corrente, gli utenti dei social network (ma in generale di internet) sono dei coglioni altamente manipolabili. Pronti a credere alle Fake News abilmente confezionate dai russi, da Trump o dalla stessa CNN (secondo quanto sostiene lo stesso Trump, che attribuisce la fabbricazione delle Fake News ai giornalisti americani che lo amano poco).
Non passa insomma giorno in cui l’utente di internet (e di Facebook, Twitter, Google, ecc.) non venga dipinto come un potenziale coglione (appunto), facile preda delle notizie false (fabbricate da tutti tranne che dall’utente coglione, perché è per l’appunto un coglione), che lo spingeranno a fare scelte di cui  in fondo non è consapevole.
L’utente coglione voterà Trump o crederà che invece Trump sia un criminale, oppure a sua volta penserà che tutti gli arabi sono per definizione terroristi o che invece esistono complotti internazionali orditi da enti sopranazionali e nascosti.
E se per caso la manipolazione non dovesse arrivare così lontano, saremmo comunque tutti vittime (come minino) di un deplorevole nuovo consumismo, che si nutre di pubblicità di prodotti in vendita su Amazon, sbirciati in un momento di debolezza e che ci vengono riproposti ad libitum, fino a quando non cediamo (alla nostra coglionaggine) e appunto non li compriamo.
Ecco, vorrei dire che non sono d’accordo con questa “narrazione” (come si usa dire adesso), e mi ritengo assolutamente libera, non manipolabile, capace di intendere e di volere, OGGI COME NON MAI.
Non ci pigliamo per il culo: i giornali (e gli opinionisti) esistono da sempre, e non sono di proprietà di qualche “povero” democratico, ma sono in genere posseduti da gruppi industriali con opinioni più o meno liberal. In genere, chi ha studiato e letto molto, fino a diventare giornalista, potrà difficilmente propugnare un modo dove sono proibite le libertà fondamentali di scrivere e dire quello che ti pare, nei limiti del codice penale, naturalmente. Ma i giornalisti vengono PAGATI e sono quindi disposti a sostenere i gruppi industriali per i quali lavorano.
Con la nascita di internet, è più facile aprire un giornale, vedi per esempio Il Post italiano, che trovo più interessante della Repubblica. Non è quindi più necessario comprare le rotative per andare in stampa, basta un po’ di spazio sui server di streaming e qualche grafico che sappia mettere online il giornale.
Che differenza c’è tra un giornalista che scrive per la carta stampata e uno che scrive per il web? Nessuna. Sono tutti e due acquistabili. Sono tutti e due in grado di fabbricare notizie false (se lo vogliono) e sono tutti e due in grado invece di verificare le loro fonti (in genere su internet) per dare una “buona” notizia, pulita, onesta, controllata.
Insomma, con internet sono aumentate le possibilità di pubblicare giornali, libri, notizie, eccetera, ma i giornalisti sono sempre gli stessi, anzi sono molto più di prima e riescono a pubblicare i loro articoli e i loro giornali senza avere il bisogno di essere MOLTO RICCHI. Fatto che ha sicuramente aumentato il tasso di democrazia.
Su internet è possibile fare un’ottima disamina delle fonti (trovi TUTTO quello che vuoi), così da poterti fare la TUA opinione. Sto parlando dei paesi liberi, non certo della Cina, dove Internet è controllato.
Lo stesso identico discorso vale per la pubblicità. La pubblicità esisteva anche prima del web, solo che oggi c’è un nuovo spazio – quello digitale – sul quale mostrarla. La novità è che grazie ai dati raccolti dalla nostra navigazione, veniamo profilati per i nostri gusti, e quindi la pubblicità che ci viene mostrata è più suscettibile di influenzarci (se abbiamo voglia di essere influenzati).
Anche Google, quando facciamo una ricerca ci fa vedere un risultato influenzato dalle nostre precedenti navigazioni, ma ditemi quando mai è stato possibile per un qualsiasi coglione (come me), aprire un blog su Worpress e, grazie all’inserimento dei tag, diventare VISIBILE a qualcuno che magari sta in Australia?
Ringrazio quindi tutti quelli che fabbricano Fake News e cercando di farmi comprare una Crock-Pot su Amazon (l’ho comprata).
Non sono mai stata così bene. E così libera. NON SCHERZO…
Contrassegnato da tag , , , , ,

L’inefficacia dello stronzo

Credo si possa dire che le religioni siano una risposta alla questione degli stronzi.

Da che il mondo esiste, esistono gli stronzi: persone cattive, aggressive, offensive, non cooperative che passano la loro vita a cercare di ferire e aggredire gli altri.

Per lo stronzo, non vale mai il modello win-win, in cui tutti e due i contraenti guadagnano dal fare un accordo, ma esiste solo il modello win-lose. Lo stronzo è contento se te lo mette in culo, non concepisce un accordo in cui anche TU puoi guadagnarci. Deve guadagnarci solo lui.

Chi invece non è stronzo (e sa di non esserlo) vorrebbe vedere gli stronzi appesi a un muro per i garretti, per poi fustigare lentamente le loro piante dei piedi.

Scherzo, naturalmente, perché chi non è stronzo non nutre quasi mai sentimenti di vendetta, ma desidererebbe vedere punito LAICAMENTE lo stronzo.

Lo vorrebbe veder fallito, se è un imprenditore, condannato alla prigione, se è un predatore sessuale, lo vorrebbe veder licenziato se ha fatto mobbing, o divorziato se ha rovinato la vita al suo partner.

La religione interviene proprio a questo proposito: promette ai fedeli (che in genere appartengono alla categoria delle vittime) che gli stronzi andranno all’inferno, perché non è detto che gli stronzi verranno puniti durante la loro VITA.

Insomma, le religioni offrono il premio di una ricompensa celeste (o infernale) per chi si è comportato bene (o male). Se quando eravamo VIVI, ce la siamo presa nel culo, da MORTI potrebbe andarci molto meglio. La religione cattolica (ma non solo quella cattolica) ti aiuta quindi a sopportare le sciagure, perché ALLA FINE, nel Regno dei Cieli, tutto si rimetterà a posto: i cattivi andranno all’inferno, i buoni in paradiso.

Ma mettiamo da parte per un secondo il tema di una consolazione postuma, che non ci potremo godere, e chiediamoci invece se gli STRONZI vengono puniti anche quando sono VIVI (loro) e siamo VIVI anche noi.

Vedere uno stronzo che fallisce, rotola nel fango, finisce fuori gioco può dare una certa soddisfazione, anche se non si tratta di soddisfazioni sulle quali conviene indugiare (poi spiegherò perché non conviene).

Ecco, secondo me per dare una risposta a questa annosa questione, bisogna farsi una domanda: ESSERE STRONZI E’ UNA STRATEGIA EFFICACE?

Mi si perdoni l’uso del termine efficace (chi non ha subito qualche corso di formazione in cui i termini efficacia ed efficienza sono stati usati troppi volte?), ma purtroppo rende l’idea.

Insomma, la domanda è: gli stronzi, cattivi, non cooperativi che cercano di inculare tutti quelli che si trovano davanti, avranno successo nella vita?

La risposta, secondo me, è tendenzialmente “no“, ma a questo punto, necessita la citazione dell’opera magna di Cipolla: “Allegro ma non troppo“.

Cipolla divide l’umanità in quattro quadranti (copio da Wikipedia), a seconda degli effetti su di sé e sugli altri delle proprie azioni:

  • Intelligenti: fanno il proprio vantaggio e quello degli altri
  • Sprovveduti: danneggiano se stessi e avvantaggiano gli altri
  • Stupidi: danneggiano gli altri senza avvantaggiare se stessi o danneggiandosi
  • Banditi: danneggiano gli altri per trarne vantaggio.

La prima conclusione che dobbiamo trarre è quindi che lo stronzo è uno stupido o un bandito.

Faccio un esempio semplice per capire quale potrebbe essere la differenza. Hitler, che ha provocato la Seconda Guerra Mondiale e indirettamente la morte di 17 milioni di persone (secondo una stima grossolana), si è suicidato insieme al cane e Eva Braun nel Bunker di Berlino. Uno stupido, quindi, perché è morto infelice e distrutto, dopo aver distrutto il suo paese e ucciso milioni di persone, tra cui circa sei milioni di ebrei.

Mao Tse Tung, invece, sul cui groppone pare che cadano 80 milioni di morti (dovuti in gran parte alle carestie provocate dalle sue stupidissime politiche economiche) è morto nel suo letto, assistito dalla sua infermeria preferita. Sembra addirittura (così raccontava il suo medico personale che ne aveva scritto la biografia) che l’ultima frase detta prima di morire sia stata: “Quando guarirò?“. Ottimista e bandito sino alla fine.

Lo stronzo, per uscire vincitore dalla sua personale guerra contro gli altri (perché lo stronzo gode nel danneggiare gli altri) deve quindi stare molto attento a non fare mai errori, per non danneggiare anche se stesso.

Lo stronzo che alla fine viene punito (da VIVO) è infatti proprio lo stupido, quello che non riesce ad evitare di procurare un danno anche a se stesso, mentre danneggia gli altri.

Bene, la mia tesi è la seguente: lo stronzo bandito (lo stronzo di successo) ha bisogno, per sopravvivere, di una condizione di assenza di mercato e concorrenza.

Mi riferisco a un concetto di “mercato” at large, che riguarda non solo l’economia, ma anche la politica. Una dittatura è una situazione di “non concorrenza” politica. C’è un unico soggetto che prevale su tutti gli altri, e quando capisce che il consenso gli sfugge di mano (anche nelle dittature si raccomanda una dose di consenso), comincia ad ammazzare tutti i nemici, inaugurando quelli che vengono definiti come i periodi del TERRORE (i nemici vengono ammazzati TUTTI), Terrore che in genere colpisce tutte le dittature in fase terminale.

Insomma, se uno stronzo vuole morire in piedi, deve a un certo punto diventare così abile e così crudele da eliminare fisicamente tutti suoi nemici.

Nelle situazioni di libero mercato e libere elezioni, la situazione si fa invece più difficile. L’aristocrazia inglese, che è sempre stata “temperata” dalla presenza di un sistema democratico, ha perso una parte dei suoi privilegi (neanche poi così tanti), e ha ceduto terreno ai ceti borghesi. Così come le aziende poco efficienti e governate dai ladri corrono il rischio di fallire. E devono essere temperate da un buon sistema giudiziario.

La Enron, una delle più grandi multinazionali americane, è fallita nel 2001, dopo un decennio di trucchi contabili ed episodi di corruzione verso la classe politica americana. Il suo amministratore delegato, uno stupido, è morto di infarto, prima della sentenza definitiva che lo avrebbe portato in prigione.

Anche la Lehman Brothers è fallita nel 2008, perché aveva in pancia i mutui sub-prime che mandarono per aria l’economia americana. Non poteva sopravvivere.

Adesso concludo, ma per davvero: uno stronzo, in condizioni di libero mercato, legalità e democrazia, ha molte buone probabilità di fallire e poi essere punito, perché non c’è nessuno che lo protegge e gli ammazza i nemici.

Forse sto semplificando un po’ troppo, ma quello che voglio dire è che dove c’è libertà e legalità, democrazia e concorrenza, gli stronzi in genere vanno a fondo, anche mentre sono vivi, mentre voi li vedere affondare.

È molto più efficace mantenere una posizione intelligente, dove tutti guadagnano e si trattano bene l’un l’altro, che non quella degli stupidi e dei banditi, che cercano sempre di inchiappettare chi hanno di fronte.

Senza dimenticarsi che gli stronzi si fanno in genere un bel po’ di nemici, che passano la vita a cercare di fargliela pagare. Uno stronzo ha molti più nemici di una persona intelligente, e quindi fa più fatica a cavarsela.

Ultima considerazione: non c’è bisogno di godere più di tanto quando guardate lo stronzo che affonda. Lo stronzo sa che sa affondando, e sa che lo state guardando mentre affonda. Lasciate che si sporchi lui con i suoi cattivi sentimenti, mentre invece voi gli date solo uno sguardo veloce, e poi tornate alle vostre abituali occupazioni.

Ne ho visti di stronzi andare a fondo, e ormai li riconosco a colpo d’occhio. So già chi affonderà nel pantano, mentre nessuno (ma proprio nessuno) gli tenderà una mano o un dito. Proprio nessuno, credetemi…

Contrassegnato da tag , ,