Torturatrice gentile

IMG_20140328_171716

 

 

 

 

 

 

 

 

Ecco Alessandra, la mia gentile torturatrice incaricata da Mondadori di fare l’editing di Omicidi in pausa pranzo.

Ha persino accettato che la fotografassi, mentre faceva l’editing a domicilio.

Sono per davvero un’impiegata e non mi posso permettere di prendere dei giorni di ferie, perché altrimenti dovrei andare a lavorare il 24 dicembre.

E così la gentile ragazza mi ha portato a casa il libro nella versione “macroeditata”, con i suoi commenti a margine, tutti molto congruenti, ed è riuscita a beccare anche un paio di erroracci nella trama (colleghi dati per morti prima del tempo).

Mi ritirerò quindi dalla vita mondana per qualche giorno, visto che dovrò riscrivere l’incipit, il finale e aggiustare molte descrizioni.

Tendo a scrivere in fretta e alcuni personaggi sono tratteggiati in modo un po’ troppo sommario.

Per il momento la palla è in campo mio, nel senso che sono io a dover aggiungere nuove pagine nei punti che Alessandra mi ha segnalato.

Insomma, devo scrivere DI PIÙ, con il mio stile – si è raccomandata Alessandra – quando invece mi aspettavo che il libro venisse asciugato (da lei).

E pensavo di godermi un po’ di riposo, ma la gentile fanciulla ha deciso di mettermi sotto a lavorare.

Le sue osservazioni sono peraltro ragionevolissime e io non soffro della sindrome di Stoccolma.

Non mi batto il petto chiedendo pietà se qualcuno mi tratta male, ma gli corro dietro con un gatto a nove code.

Ma sta succedendo tutto il contrario di quello che mi aspettavo.

Bene, ricomincio a scrivere…

3 thoughts on “Torturatrice gentile

  1. Manu ha detto:

    Mi sembra un ottimo approccio. Scrivi donna, scrivi!

  2. Viola Veloce ha detto:

    Sì, scrivo, anche perché ho già disteso (senza complemento oggetto, che in questo caso è sottinteso e fa anche rima). Per fortuna fa caldo, e lo stendino è sul balcone.
    Anche Madame Curie, quando alzava gli occhi al cielo, si chiedeva (secondo me) se era giorno da bucato.

  3. Manu ha detto:

    E ti dirò di più, anche Madame Curie ogni tanto si ricordava dei suoi peli superflui. Io, esempio, ci sto pensando ora.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: